Ingenieria delle scienze della vita

Lo sviluppo di nuove terapie e strumenti di diagnosi in biologia e in medicina si fonda sul progresso di tecnologie come l’analisi dei dati, la modellazione computazionale o il bio-imaging. Gli ingegneri in scienze della vita concepiscono gli strumenti necessari alla comprensione e all’applicazione delle nuove tecnologie in questi settori di punta.

La formazione in ingegneria delle scienze della vita offerta all’EPFL si trova al crocevia tra le scienze biomediche e le discipline dell’ingegneria.

Per capire l’albero della vita, o albero filogenetico, i biologi fanno appello non soltanto alle conoscenze acquisite nel campo della genetica ma anche alle tecnologie sviluppate in questa disciplina. Il sequenziamento ad alto rendimento, che permette di decodificare masse enormi di informazioni genetiche a una velocità fenomenale, richiede metodi matematici e informatici. L’evoluzione della biologia verso un approccio più quantitativo dei fenomeni ha permesso la decodificazione del genoma umano, ma anche una migliore comprensione dei sistemi biologici complessi e può ulteriormente contribuire a migliorare la vita degli esseri umani che soffrono di una malattia.

Pur non avendo una facoltà di medicina vera e propria, l’EPFL è in prima linea nella ricerca in numerosi settori cruciali legati alla salute.

L’Istituto svizzero di ricerca sperimentale sul cancro (ISREC) dell’EPFL è oggi al cuore dell’organizzazione di un importante centro di ricerca sul cancro che riunirà altri attori di grande calibro, come il Centre hospitalier universitaire vaudois (CHUV). Questo impegno dell’EPFL nel settore della salute si traduce in una presenza costante sul fronte della lotta contro diverse malattie: il cancro, ma anche le malattie infettive e gli handicap neuromotori, in cui si applicano approcci ingegneristici allo sviluppo di protesi intelligenti e performanti. Gli studenti hanno così l’opportunità di frequentare laboratori di punta orientati alla ricerca fondamentale e clinica.

Presentazione del programma

Il programma di studio Bachelor in Ingegneria delle scienze della vita pone un forte accento sulla matematica e la fisica. L’informatica occupa ugualmente un posto importante. Poi si studiano biologia cellulare, biologia molecolare e chimica. Nel terzo anno, il corso propone due blocchi, ingegneria e bioscienze, secondo un approccio specifico dell’EPFL. Ottime competenze in matematica, fisica e informatica permettono di padroneggiare la modellazione e la simulazione, ormai indispensabili per capire e testare certi sistemi biologici.

Così come per lo Human Brain Project, un’iniziativa condotta dall’EPFL, che mira a simulare il funzionamento del cervello, molti settori di ricerca richiedono approfondite competenze in simulazione computerizzata e in modellazione. Nelle neuroscienze c’è forte richiesta di competenze in questi ambiti, così come nelle tecniche di imaging e soluzioni di elaborazione di segnali, settori nei quali gli ingegneri in scienze della vita eccellono.

Bachelor: piano di studio semplificato

Master: prospettive

Questo Master, proposto dall’anno accademico 2018-19, è il risultato della fusione dei due precedenti programmi, il Master in Bioingegneria e il Master in Scienze e tecnologie della vita. Tutti i corsi rimangono disponibili con un rafforzamento della formazione ingegneristica.

Il programma si concentra sulla ricerca e lo sviluppo di tecnologie applicate alle scienze della vita e copre discipline come:

  • Mechanics of biological systems
  • Bioelectronics and biosensing
  • Bioimaging and biophotonics
  • Signal processing and data analysis
  • Bioinformatics and biostatistics

Queste discipline sono offerte non solo in connessione con l’attuale ricerca biomedica, ma anche nel contesto delle tecnologie di ingegneria applicata in settori quali:

  • Molecular medicine
  • Tissue engineering
  • Oncology
  • Immunology
  • Neuroprosthetics
  • Neurosciences
  • Brain-machine interface
  • Biocomputational sciences

Gli studi sono completati da un progetto di ricerca in un laboratorio nell’accademia o nell’industria. Può essere svolto presso l’EPFL o in un’altra università di alto livello in tutto il mondo.

Informazioni dettagliate in inglese

Dopo il Bachelor vengono offerti anche altri programmi, tra cui alcuni Master interdisciplinari.

Più informazioni sui programmi di Master in inglese.


Si prega di notare che le informazioni relative alla struttura dei programmi e ai piani di studio semplificati sono soggette a modifiche e non sono giuridicamente vincolanti. Solo i regolamenti ufficiali e i piani di studio fanno fede.

Sbocchi professionali

Grazie alla loro formazione scientifica rigorosa e pluridisciplinare, sulla frontiera tra biologia quantitativa e scienze biomediche, infettivologia molecolare e oncologia, neuroscienze e neuroingegneria, medicina rigenerativa, biomeccanica e tecnologie di imaging, i diplomati in ingegneria delle scienze della vita sanno adattarsi a settori in perpetua evoluzione e gettare un ponte tra tecnologia e umanità.

Se alcuni diplomati scelgono di unirsi a gruppi di ricerca e sviluppo di imprese specializzate nelle tecnologie mediche, altri scelgono il settore farmaceutico. In ospedali o in laboratori di analisi, i diplomati in ingegneria delle scienze della vita si occupano della messa in opera di infrastrutture tecniche; nell’ambito di società d’investimento essi agiscono come consiglieri nella gestione di portafogli dedicati all’innovazione biomedica e alle biotecnologie. Un buon numero di diplomati sceglie infine di proseguire il suo percorso accademico dopo l’ottenimento del Master, intraprendendo un Dottorato di ricerca.


Alumni: cosa ne sarà di loro?

Claire Roulin

Lavoro in un’impresa che fornisce attrezzature per la produzione di farmaci biologici, come filtri, fermentatori o bilance.

Claire Roulin, Bachelor e Master in Scienze e tecnologie della vita (2010)

Contatto

Per più informazioni su questo programma di studio si prega di contattare: [email protected] / +41 (0)21 693 96 01


Per informazioni generali e pratiche in italiano si prega di contattare il Servizio di promozione dell’educazione: [email protected]