Barometro della civic tech 2019

Résultat de recherche d'images pour "image drapeau français" Accéder à l’enquête en français: cliquez ici

Résultat de recherche d'images pour "drapeau italien" Accedi al sondaggio in italiano: clicca qui

Résultat de recherche d'images pour "drapeau allemand" Zugang zur Umfrage auf Deutsch: hier klicken

Contesto

Il termine « civic tech » (tecnologia civica) è oggetto di molteplici definizioni e interpretazioni. In generale, si riferisce a una serie di dispositivi digitali che mirano ad avvicinare i cittadini ai processi politici, trasformando il funzionamento della democrazia attraverso un rinnovo delle forme di partecipazione e impegno civico.

I dispositivi digitali di “civic tech” rendono possibile, o promettono, di migliorare o promuovere:

  • La diffusione delle informazioni: per dei progetti, decisioni politiche, ecc.
  • Il dialogo tra i funzionari eletti e i cittadini: i social networks, le applicazioni per rivolgersi direttamente ai funzionari eletti e dialogare con loro.
  • La procedura di consultazione: questionario, sondaggio, voto, raccolta di opinioni e preferenze (ad es. finanziamento partecipativo).
  • Il contributo dei cittadini: applicazioni per segnalazioni, strumenti di crowdsourcing,     strumenti per la proposta di idee e progetti.
  • La condivisione dei dati: open data.

Questi dispositivi digitali sono spesso l’esito di un sostegno istituzionale, che può ricorrere a fornitori di servizi privati o pubblici per la progettazione, la gestione o anche l’aggiornamento degli stessi dispositivi, ecc.

Un barometro della civic tech in Svizzera.

Il presente questionario è la prima edizione del Barometro svizzero di Civic Tech, condotto dal Laboratorio di Sociologia Urbana (LaSUR) del Politecnico Federale di Losanna (EPFL).

Esso si rivolge agli attori degli enti locali svizzeri che hanno già messo, o desiderano mettere in pratica degli strumenti di civic tech.

I suoi principali obiettivi sono:

  • Elaborare un inventario delle pratiche (tecnologie e usi) delle città, dei Comuni e dei Cantoni svizzeri nel campo della civic tech a livello nazionale.
  • Produrre e condividere conoscenze su queste pratiche a livello nazionale e internazionale.
  • Favorire lo scambio di esperienze e di collaborazioni tra le città, i territori e i cantoni su queste tematiche.
  • Creare, a termine, una rete di partner ed esperti su scala nazionale svizzera.

Informazioni sul questionario

Il questionario è diviso in due grandi parti:

– Una parte generale, divisa a sua volta in tre parti, dedicata alla presenza del civic tech all’interno della vostra struttura:

  1. Carta d’identità dell’attore pubblico/ente locale.
  2. La partecipazione dei cittadini nel suo ente locale.
  3. La partecipazione dei cittadini e la tecnologia digitale nel suo ente locale.

– Una parte “scheda del dispositivo digitale” che permette di descrivere con maggiore precisione le caratteristiche dei dispositivi che avete adottato. È possibile compilare una scheda dispositivo completa e fino a 3 altre schede dispositivo sintetiche. Una scheda è divisa in quattro parti:

  1. Carta d’identità del dispositivo digitale
  2. Le risorse del dispositivo digitale
  3. Le condizioni di partecipazione
  4. La valutazione

La compilazione della parte generale del questionario e di una scheda dispositivo richiede circa 20 minuti, ed altri 10 minuti per ogni ulteriore scheda dispositivo.

È prevista la possibilità di interrompere la compilazione del formulario. Se non si cancellano i cookie di navigazione, la volta successiva che si effettua il login, si troverà il formulario nello stato in cui lo si è interrotto, ma i dati già inseriti non potranno più essere modificati.

Risultati

I risultati del barometro saranno diffusi in autunno sul sito web del LaSUR.

Nello stesso periodo verranno organizzati una serie di eventi all’EPFL e al 3DD iniziativa di concertazione a Ginevra per presentare i risultati dello studio.

I dati raccolti saranno pubblicati in open data (ad eccezione dei dati personali e delle eventuali risposte che si desiderano mantenere confidenziali. In questo caso si prega di indicare alla fine del documento i numeri delle domande che non si intendono rendere pubbliche).

I dati raccolti saranno pubblicati in dati aperti (ad eccezione dei dati personali e dopo l’anonimizzazione).

Ringraziamenti

Questo progetto è supportato dal servizio concertazione e comunicazione del Cantone di Ginevra (dipartimento del territorio) nell’ambito del partenariato fra EPFL et il cantone di Ginevra.

Questo questionario si basa e riprende elementi del baromètre de la démocratie locale numérique realizzato a partire dal 2016 dal think tank francese Décider Ensemble.

Contatti / Domande

Per ogni eventualità vi preghiamo di contattarci ai seguenti indirizzi : Jean-François Lucas e Armelle Hausser