Cinque seminari per progettare il futuro dell'educazione

Questi seminari ci permetteranno di riflettere sull'insegnamento delle scienze nei licei e nelle scuole universitarie e il loro impatto diretto sulle competenze dei nostri giovani.

1a) Competenze di base: insegnare l’approccio scientifico

Le conoscenze di base in matematica e fisica costituiscono una base essenziale per sviluppare le competenze dei giovani e fornire loro le basi necessarie per proseguire gli studi nelle migliori condizioni. Questo workshop offrirà l'opportunità di scambiare le migliori pratiche per stimolare l'interesse per l'approccio scientifico.

Relatori

Nel suo ruolo di ingegnere didattico, Guillaume Schiltz sostiene la qualità dell’insegnamento nel dipartimento di fisica dell’ETHZ. Inoltre, insegna corsi di pedagogia universitaria ed è un formatore per insegnanti di fisica.

1b) La dimensione di genere deve essere integrata nell'insegnamento delle materie scientifiche?

Il genere influenza il modo in cui vengono affrontate le materie scientifiche? In caso affermativo, come si può tenerne conto nell'insegnamento? Il ruolo dei fattori socio-culturali in questo contesto sarà discusso anche in questo workshop.

Relatori

Philippe Genoud è direttore dell’ ”Institut de formation pour l’enseignement au secondaire” dell’Università di Friburgo. Ha un dottorato in scienze dell’educazione, un’abilitazione in psicologia dell’educazione, ed è professore ordinario nel Dipartimento di Scienze dell’Educazione e della Formazione. Le sue principali aree di ricerca si concentrano su una migliore comprensione degli aspetti relazionali ed affettivi in classe. Si interessa anche alla formazione di studenti in ricerca, alla costruzione di strumenti di misurazione e valutazione come anche ad approcci metodologici e statistici nelle scienze sociali e umanistiche.

Rosalie Chevalley ha conseguito un dottorato in matematica presso l’EPFL. Appassionata di insegnamento, vi ha dedicato del tempo durante la sua tesi. Ha poi ottenuto il diploma di insegnamento per il livello secondario II (MAS) rilasciato dalla “Haute école pédagogique” e ha iniziato la sua carriera nell’insegnamento presso il liceo di Burier e quello di Renens.  Ora insegna matematica al liceo di Renens.

 

Emmanuelle Giacometti è direttrice dell’Espace des inventions, un’istituzione culturale con sede a Losanna la cui missione è di suscitare l’interesse dei bambini e delle famiglie per le scienze naturali e tecniche. Con un dottorato in scienze e la passione per la mediazione scientifica, Emmanuelle Giacometti esplora i vari modi di suscitare la curiosità e l’interesse di tutti per le materie scientifiche. In questo contesto, si occupa anche di come migliorare la visibilità delle donne nel mondo della scienza.

Moderatori

Simone Deparis, Prof. EPFL, Adjoint de la Section de mathématiques
Donna Testerman, Prof. EPFL, Reductive Groups group, Institut de mathématiques

 

2) Insegnare le scienze: le fonti di motivazione per i vostri allievi

Le scienze di base possono sembrare ermetiche ad alcuni allievi. Tuttavia esempi concreti di innovazioni e applicazioni in ingegneria possono motivarli, addirittura farli sognare. Come possiamo trarne vantaggio per rafforzare la motivazione dei giovani per studiare scienze?

Relatori

Véronique Michaud è direttrice del “Laboratory for Processing of Advanced Composites” e vicedecana presso la “Faculté de Science et Technique de l’Ingénieur” dell’EPFL. Ingegnere dell’Ecole des Mines de Paris, Véronique Michaud ha conseguito il dottorato al MIT nel 1991. La sua ricerca si concentra sui principi fondamentali della realizzazione di materiali compositi, con l’obiettivo di produrre materiali e strutture a costi accessibili e con l’aggiunta di funzionalità. Queste ultime possono includere proprietà termiche o di vibrazione, smorzamento attivo o passivo, autoguarigione dopo il danno, così come comportamenti non lineari (come spesso si incontrano nelle strutture biologiche) e influenzare applicazioni nel campo dei trasporti, dello sport o dell’energia.

Mirko Meboldt ha studiato ingegneria meccanica all’Università di Karlsruhe (KIT) e ha iniziato la sua carriera accademica presso l’Institute of Product Engineering di Karlsruhe (IPEK), dove ha conseguito un dottorato di ricerca. Dopo una carriera industriale presso la Hilti AG nel Liechtenstein, dove è stato responsabile della tecnologia e dei processi di sviluppo di prodotto, nel 2012 è stato nominato professore ordinario di sviluppo di prodotto e progettazione ingegneristica al Politecnico di Zurigo. La formazione dei giovani e la sua rilevanza per l’industria costituisce una motivazione chiave e un punto di riferimento per la sua ricerca. Attualmente lavora nel campo della progettazione ingegneristica e dello sviluppo di prodotto, specializzandosi in innovazioni orientate all’utente e nuove tecnologie di produzione.

 

3) Il pensiero algoritmico – uno strumento per tutte le materie(?)

L'informatica non è interessante solo per gli informatici. La trasformazione digitale riguarda tutte le industrie, i settori e gli aspetti della nostra vita. I concetti di base dell'IT diventano utili per tutti i settori. In questo workshop, scoprirete come la comprensione degli algoritmi può contribuire all'apprendimento in vari campi. Troverete esempi che vi aiuteranno a integrare il pensiero computazionale nei vostri corsi.

Relatori

Pierre Dillenbourg ha conseguito un Master in Scienze dell’Educazione (Università di Mons, Belgio) e un PhD in Informatica presso l’Università di Lancaster (UK). È stato “Maître d’Enseignement et de Recherche” presso l’Università di Ginevra prima di entrare all’EPFL nel 2012. Pierre Dillembourg è professore ordinario di tecnologie della formazione presso la “Faculté d’informatique et communications” e dirige il ” laboratoire d’ergonomie éducative (CHILI)”. È anche responsabile del Swiss EdTech Collider e membro di LEARN, il nuovo centro EPFL per le scienze dell’apprendimento che riunisce iniziative locali nell’innovazione educativa.

Marcel Salathé è professore associato dell’EPFL e capo del Digital Epidemiology Laboratory. La sua ricerca si concentra sulla combinazione di machine learning e l’uso diffuso delle tecnologie mobili per progettare sistemi sanitari innovativi. Marcel Salathé è molto coinvolto nella formazione online come direttore accademico della EPFL Extension School ed è membro di LEARN, il nuovo centro EPFL per le scienze dell’apprendimento, che riunisce iniziative locali di innovazione educativa.

4) Salute e ambiente: formare ingegneri responsabili

Questo workshop si concentrerà sulla sensibilizzazione alle questioni etiche e sociali che stanno diventando sempre più importanti nella formazione scientifica e che sono essenziali per la formazione degli scienziati di domani.

Relatori

Denis Duboule è nato nel 1955. Di nazionalità svizzera e francese, studia biologia all’Università di Ginevra. Ha poi trascorso 10 anni all’estero, prima alla Facoltà di Medicina di Strasburgo (CNRS), poi al Laboratorio Europeo di Biologia Molecolare di Heidelberg (Germania). Nel 1993 è stato nominato professore ordinario all’Università di Ginevra, dove ha diretto il reparto “Génétique et Evolution” dal 1997 al 2017. Nel 2001 ha assunto la gestione del polo di eccellenza NCCR “aux Frontières de la Génétique”. Nel 2006 è stato nominato professore ordinario all’EPFL di Losanna, dove dirige il “Laboratoire de Génomique du Développement”.

Stéphane Joost è nato nel 1968. Di nazionalità svizzera, ha studiato geografia quantitativa presso le Università di Losanna e Ginevra. Dopo il dottorato, si è formato in genetica delle popolazioni e biologia molecolare presso l’Università di Piacenza (UCSC) in Italia. Tornato all’EPFL nel 2008, ha studiato l’influenza degli ambienti naturali e costruiti sugli organismi viventi presso il “laboratoire de systèmes d’information géographique” e l'”Unité d’Epidémiologie Populationnelle” (UEP) presso l’Ospedale Universitario di Ginevra (HUG). Stéphane Joost è co-fondatore del GIRAPH Lab ( (www.giraph.org), gruppo di ricerca congiunto EPFL-HUG specializzato nell’uso delle informazioni geografiche nel campo della salute comunitaria.

Nel 2001, Idris Guessous ha conseguito la laurea in medicina a Losanna, che ha completato con una formazione clinica ed epidemiologica. Dopo un dottorato in medicina e una specializzazione in medicina interna generale a Losanna e Ginevra, ha conseguito un dottorato in epidemiologia presso l’Università Emory (Stati Uniti) dove ha trascorso quattro anni. È entrato a far parte dell’HUG nel 2009 come capo della clinica e capo dell’unità “unité d’épidémiologie populationnelle”. Sotto la sua direzione, l’unità conduce studi scientifici sui determinanti della salute quali fattori genetici e ambientali (educazione, tabacco, cibo, caffè, rumore, ecc.) Idris Guessous è anche co-fondatore del gruppo di ricerca GIRAPH che integra l’analisi spaziale nel campo della medicina e della sanità pubblica.

5) Creatività, innovazione, imprenditorialità: competenze chiave per l’ingegnere

Questo workshop tratterà le possibili iniziative per stimolare e incoraggiare lo spirito di innovazione tra studenti/esse e liceali.

Relatori

Responsabile di sostenere la creazione di start-up presso l’EPFL, Hervé Lebret gestisce un fondo di pre-seed per gli studenti e i ricercatori della Scuola (gli Innogrants) e insegna l’imprenditorialità. Fino al 2004 ha lavorato presso Index Ventures, un fondo di venture capital con sede a Ginevra che ha investito in Skype e in altre società. In precedenza, è stato ricercatore in matematica applicata all’ENSTA e all’ONERA (Parigi). È l’autore del libro “Start-Up: What We May Still Learn From Silicon Valley” e del blog www.startup-book.com. Hervé Lebret si è laureato all’Ecole Polytechnique e alla Stanford University.

Responsabile del programma China Hardware Innovation Camp (CHIC) e India Switzerland Social Innovation Camp (INSSINC), Marc Laperrouza sviluppa esperienze di apprendimento innovative che riuniscono studenti di ingegneria, scienze sociali e design. La sua ricerca esamina scenari pedagogici incentrati sugli studenti e si concentra sulla creatività, l’interdisciplinarità e la prototipazione. Marc Laperrouza ha studiato presso l’UNIL (Bachelor/Master), l’Università di Fudan (Cina) e la London School of Economics (PhD).